Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

 

Italian (IT)

Inaugurazione del pozzo a KYaing Tong

Il Myanmar è altro e molto di più di quanto ci raccontano i media.

Oggi è stato inaugurato un sistema d’acqua potabile alla periferia di Kyaing Tong, nell’estremo nord-est dello Shan State: un angolo di culture, popoli e lingue che ci è difficile immaginare.

Oggi New Humanity Myanmar ha avuto conferma di quanto non si possa identificare sotto un’unica parola uno Stato, una Nazione, tanti popoli che stanno costruendo un cammino comune. Le polemiche internazionali di queste ultime settimane avranno forse delle ragioni, ma è pur vero che, per chi è fuori, è molto difficile capire tanti popoli dopo oltre sessanta anni di dittatura mentre stanno lentamente costruendo un futuro ed una identità. Non tutto è chiaro e limpido, ma non tutto è da buttare. Anzi.

 

In questo momento posso solo raccontare la mia esperienza: di una Nazione che vuole uscire dall’isolamento e vuole entrare a pieno diritto dentro il contesto internazionale, una nazione desiderosa di lavorare anche per il bene della gente. Anche questo è il Myanmar. Parlare di Myanmar e lasciarsi accompagnare dalla definizione e dalla situazione che spesso i giornali e le relazioni internazionali presentano, non è sufficiente.

Il Myanmar è anche altro e molto di più.

 

Lo dice la testimonianza della nostra minuscola Organizzazione operante qui in vari settori.

Oggi è stato inaugurato un sistema d’acqua potabile alla periferia di Kyaing Tong, nell’estremo nord-est dello Shan StateEra bello vedere i volti sereni e sorridenti della gente, dei monaci, delle autorità intervenute per l'inaugurazione del pozzo a Kyaing Tong. 

Ma se questo può sembrare ovvio (gli si dà dell’acqua buona e pulita, dopo tutto), non è altrettanto ovvio che si possa entrare in altri ambienti molto sensibili, quali i riformatori (diremmo “luogo di detenzione giovanile”) o nei villaggi per parlare dei pericoli della droga ecc…

Eppure, questa è la nostra esperienza.

Abbiamo sempre trovato un atteggiamento aperto e desideroso di dare nuove possibilità ai giovani ed in particolare a quelli che possono avere avuto esperienze altamente negative.

Manca certamente la formazione, la capacità di fare dei percorsi di aggiornamento per un personale che a volte è esausto e stanco per le tante ore di lavoro con metodi anche antiquati.

Ma non possiamo non riconoscere come le autorità con cui abbiamo a che fare, giù fino alle autorità ed allo staff locale, siano prima di tutti guidate da un senso di “compassione” tipica del buddismo. Tutti si è coscienti come spesso la causa di tante situazioni di criminalità giovanile si trovano negli abusi subiti e in tante difficoltà che un ragazzo ha dovuto affrontare fin dalla giovane età.

Per questo posso dire che la vicinanza e la collaborazione nata, ad esempio, nel più grande “riformatorio” del Myanmar resta un elemento positivo ed un punto di riferimento.

Una piccola Ong, dicevo, ma abbiamo potuto avviare una scuola per i ragazzi fra i casi più gravi lì presenti. A tutt’oggi 6 giovani maestri/e a tempo pieno, con grande sacrificio, curano l’educazione di 120 ragazzi, in particolare quelli più in difficoltà dal punto di vista di educazione e di integrazione. Una di loro fa molto counseling per poter lavorare dentro la vita dei ragazzi, dentro il loro cuore.

Ma non solo. Qui la parola “riformatorio” (o “luogo di detenzione”) proprio a nessuno piace. Si usa piuttosto il nome di “luogo di avviamento professionale”, per identificare queste strutture. E non è errato. Questo dice la convinzione profonda della società che la vita può cambiare se un giovane ha un lavoro, una professione. Ma il problema è proprio offrire una professionalità.

Per questo, con la collaborazione di una scuola professionale della città ed i loro maestri preparati, NHM ha avviato dei corsi veri di avviamento al lavoro: elettricista, saldatore, falegname… in particolare per i ragazzi che stanno per terminare il loro periodo e stanno per essere rilasciati.

 

Inoltre, anche il lavoro di coscientizzazione e di aiuto alle persone in difficoltà a motivo di dipendenze, (alcool, droga…) avviato da NHM e da chi fra di noi ha le mani in pasta, sta trovando una notevole apertura da parte delle autorità. Incontri nei villaggi, nelle scuole, con giovani ed adulti. Con la presenza dei monaci locali, delle autorità … tutto lascia dire che c’è un mondo di gente che desidera il bene, per sé e per i giovani, per la loro stessa gente.

 

U Zaw Zaw, Country Director di New Humanity Myanmar

Iscriviti alla nostra newsletter

Go to top