Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

 

Italian (IT)

Nuovo progetto: Supporto all'educazione in Myanmar

Le suore della carità nel villaggio di Leikpone Gone

Ci troviamo nel villaggio di Leikpoke Gone, nella regione del Delta del Ayeyarwaddy, zona tra le più piovose e calde del Myanmar. Il villaggio è abitato da 303 famiglie, per la maggior parte di etnia Kayin. La principale occupazione è l’agricoltura ma, salvo rari casi, le famiglie non possiedono un terreno proprio e lavorano stagionalmente come braccianti agricoli. Durante la stagione dei monsoni le famiglie devono fare i conti non solo con la mancanza di lavoro, ma anche con la scarsità di cibo e con frequenti inondazioni che danneggiano le abitazioni e che rendono difficile la mobilità.

 

Come spesso accade in contesti così poveri, una delle prime cose ad essere sacrificata è l’educazione. Nel villaggio c’è una scuola pubblica, ma per molte famiglie anche l’acquisto dell’uniforme scolastica obbligatoria o dei libri di testo è una spesa tale da pregiudicare la frequenza.

 

Crediamo che l’educazione sia l’unica arma possibile per interrompere il ciclo vizioso della povertà, e per questo abbiamo deciso di avviare in collaborazione con le Suore della carità un nuovo progetto per garantire l’istruzione. Da un lato, si prevede di incentivare la frequenza alla scuola pubblica attraverso l’acquisto di libri, di cancelleria e uniformi scolastiche per le famiglie più povere. Dall’altro, vogliamo offrire nuove opportunità educative attraverso la creazione di una scuola pomeridiana dove i bambini possano ripassare le lezione, prepararsi agli esami e prendere parte ad altre attività educative con le loro famiglie. Infine, organizzeremo corsi di igiene e sanità di base per diminuire l’incidenza delle malattie. 

Iscriviti alla nostra newsletter

Go to top