Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

 

Italian (IT)
Navchetan

Nome progetto

Navchetan

Enti finanziatori

Fondazione PIME onlus

Localizzazione

Distretto di Jaipur, stato del Rajasthan, Repubblica dell’India

Durata

1 anno

Settore

Sanità, disabilità

Partner

Lo staff del Centro per la salute primaria del Governo

Ong locale Lord Mahaveer Viklang Sahayta Samiti

Scuola di S. Anselmo

Casa di Madre Teresa

Msi

Beneficiari

50 bambini disabili e 250 membri delle loro famiglie

Il contesto

Jaipur è una città dell’India settentrionale in cui il fenomeno dell’urbanizzazione ha portato molti migranti dai più piccoli villaggi delle zone rurali a cercare qui migliori qualità di vita, educazione e lavoro. Essi si sono insediati per la maggior parte negli slum, zone caratterizzate da costruzioni abusive, sovraffollamento, scarsità di igiene e servizi. Le 84.308 persone con disabilità, che rappresentano il 2,7% dei residenti a Jaipur, vivono in condizioni di povertà, ignoranza, analfabetismo, malnutrizione e discriminazione: i bambini sono spesso lasciati soli e gli adulti sono esclusi da diritti quali per esempio la pensione. In questo contesto, inoltre, la poca consapevolezza e informazione non forniscono loro gli strumenti adeguati per poter accedere a quei seppur pochi servizi che lo Stato prevede per i disabili. Le più comuni cause della disabilità sono legate alla genetica e ai matrimoni fra membri della stessa famiglia, a problemi durante la gravidanza o il parto, alla maternità precoce, a malattie sessualmente trasmissibili, a infezioni durante la prima infanzia, servizi sanitari inadeguati o inaccessibili e malnutrizione.

 

Il progetto

Il progetto nasce dalla necessità di migliorare le condizioni delle persone con disabilità attraverso il loro coinvolgimento perché li aiuti ad acquisire maggior autonomia, autostima ed autoconsapevolezza. Esso è perciò basato sul metodo della riabilitazione comunitaria, che spinge i bambini, insieme ai loro genitori, a prendere parte ad attività in un ambiente di famiglia, che permetta  loro di affrontare le situazioni quotidiane in maniera più consapevole, autonoma e serena. I bambini, inoltre, non solo vengono aiutati a migliorare le loro condizioni fisiche e di salute attraverso sedute di fisioterapia e adeguate cure mediche, ma sono anche supportati nell’inserimento nella scuola pubblica. Così facendo, le famiglie vengono accompagnate in un percorso che le rende più formate e consapevoli dei servizi ai quali possono accedere e i bambini guidati verso una maggiore inclusione sociale e un miglioramento dello standard di vita.

Go to top