Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

 

Italian (IT)

Costruzione della cisterna nel villaggio di HtikhaIl progetto per portare acqua al villaggio Htikha sta prendendo vita

L’acqua è un elemento prezioso, ma troppo spesso assente.
Htikha, in Myanmar, è un piccolo villaggio in cui abitano 255 persone e dove sorgono 63 case. Grazie al prezioso contributo della CEI è stato possibile l’avvio di attività agricole e l’avviamento di una farmer field school (FFS) per la coltivazione del grano e di legumi. Tra il 2016 e il 2017, sono iniziati dei corsi di formazione per gli abitanti del villaggio su temi quali la nutrizione, l’igiene personale e il mantenimento e il possedimento dei terreni agricoli.
E da quest'anno il villaggio ha anche accesso all'acqua.

Fino all’anno scorso, la difficoltà a reperire l’acqua era evidente e rappresentava un problema urgente: la comunità di Htikha infatti, godeva solo di un piccolo lago per la raccolta dell’acqua, situato a 1200 metri al di sotto del villaggio. Gli abitanti erano costretti a percorrere chilometri a piedi per poter rifornirsi di un bene primario e vitale come l’acqua.L'installazione del pannello solare per il pompaggio dell'acqua

Il villaggio dista 15 minuti dalla strada principale di Taunggyi e sfortunatamente non è mai stato rifornito di energia elettrica. Inoltre, a causa del terreno era impossibile intraprendere degli scavi per costruire pozzi nelle vicinanze.

L’unica soluzione per produrre energia era sfruttare l’irraggiamento solare attraverso pannelli fotovoltaici, così da produrre corrente elettrica.

Per tale motivo, quindi, si è deciso di dar vita a un progetto per aiutare gli abitanti di Htikha: i pannelli fotovoltaici e le relative pompe avrebbero fornito a tutta la comunità dell’acqua necessaria.

Il progetto è iniziato a gennaio di questo anno e due pannelli sono stati già installati. Tra gennaio e marzo anche i lavori per la realizzazione di cisterne per la raccolta dell’acqua sono terminati. Tuttavia, la composizione del terreno non permetteva la costruzione della terza cisterna che non poteva in questo modo essere completata. Per risolvere il problema, si è deciso di costruire all’interno del villaggio un serbatoio d’acqua collocato in superfice.

In febbraio sono stati collocati i tubi di collegamento dei pannelli fotovoltaici e nel corso del mese di aprile, si svolgeranno una serie di incontri per il controllo e la manutenzione del pannelli.

Articolo di Asia Giacobelli

Run4Dignity: aiutaci a far correre il mondo! Regala, Riusa, Recicla...scopri come aderire

Il tuo aiuto può fare tanto

Iscriviti alla nostra newsletter

Scopri i nostri progetti nel mondo

Go to top