COMMUNITY BASED REHABILITATION

MYANMAR, Taunggyi e Kyaing Tong

Obiettivo

Riabilitazione e inclusione sociale dei bambini con disabilità nelle zone rurali

Beneficiari

150 bambini con disabilità e relative famiglie, 64 villaggi

Partner

Dipartimento degli Affari Sociali (DSW), Comunità locali, Fondazione Don Carlo Gnocchi

Enti finanziatori

CEI, Fondazione Don Carlo Gnocchi

Il progetto

Questo progetto mira alla riabilitazione e all’inclusione sociale dei bambini con disabilità nelle zone rurali. E’ partito nel 2005 a Taunggyi e dal 2014 siamo operativi anche nella zona di Kyaing Tong.

Seguendo la metodologia della Riabilitazione su Base Comunitaria (RBC) indicata dall’OMS, cerchiamo di promuovere l’inclusione sociale dei bambini non solo attraverso la riabilitazione fisica del bambino, ma attraverso il lavoro con la comunità e la famiglia incentrato sui 5 pilastri della metodologia: salute, mezzi di sostentamento, educazione, sviluppo sociale e empowerment.

Per questo motivo i nostri riabilitatori su base comunitaria visitano regolarmente le famiglie, lavorano con le comunità locali sulla sensibilizzazione, forniscono servizi di assistenza e riabilitazione a domicilio. Una fisioterapista specializzata si occupa a tempo pieno di questo progetto, visitando regolarmente i bambini e insegnando ai genitori, agli operatori e ai vicini di casa gli esercizi per potenziare il loro sviluppo che vengono poi replicati regolarmente anche in sua assenza.

La metodologia che abbiamo adottato considera fondamentale anche l’autonomia delle persone con disabilità e relative famiglie, per questo motivo abbiamo avviato diverse attività per sostenere da questo punto di vista le famiglie: formazioni agricole, allevamento, infrastrutture idriche.

 

Il contesto

In Myanmar soltanto il 60% della popolazione ha accesso ad infrastrutture sanitarie e la carenza di personale qualificato costituisce uno dei maggiori ostacoli all’erogazione di servizi assistenziali qualificati e rispondenti ai reali bisogni della popolazione. 

Inoltre nel Paese la disabilità è ancora vista come uno stigma sociale e unapunizione divina e le persone affette da disturbi fisici o psichici sono spesso costrette a nascondersi e a vivere ai margini della società.

 

BAMBINI CON DISABILITà

villaggi sensibilizzati

agricoltori formati

NEWS

RISPOSTA DI NEW HUMANITY ALL’EMERGENZA COVID-19

RISPOSTA DI NEW HUMANITY ALL’EMERGENZA COVID-19

Da quando il COVID-19  è arrivato anche in Myanmar e India, il nostro staff locale ha supportato i nostri beneficiari in diversi modi. La diffusione del Covid-19 non ha avuto conseguenze solo sanitarie, ma l’impatto più grande nei contesti dei nostri progetti riguarda...

leggi tutto
IL SISTEMA IDRICO DI NEW HUMANITY CI HA CAMBIATO LA VITA!

IL SISTEMA IDRICO DI NEW HUMANITY CI HA CAMBIATO LA VITA!

Mi chiamo U Ah jone. Vivo a Khun Sai, un villaggio nel tratto di Loi Mwe, nella zona rurale di Kyaing Tong. Nella mia famiglia siamo in otto: io, mia moglie e i nostri 6 figli. Voglio raccontarvi come New Humanity ha cambiato la nostra vita! Sono di etnia Li Shaw, noi...

leggi tutto
I PAESI DEI NOSTRI PROGETTI DI NUOVO IN LOCK-DOWN

I PAESI DEI NOSTRI PROGETTI DI NUOVO IN LOCK-DOWN

Purtroppo la pandemia da Covid-19 non accenna a fermarsi in Myanmar e in India, al contrario la situazione al momento sta peggiorando. In Myanmar questa settimana è iniziato un nuovo lock-down ancora più rigido nella regione di Yangon, dove abbiamo la nostra sede...

leggi tutto